Attuazione nell’ordinamento italiano alla direttiva  2012/18/UE  relativa  al  controllo  del pericolo di incidenti rilevanti  connessi  con  sostanze  pericolose (cosiddetta “Seveso III”) reperibile online al seguente indirizzo:

Vedi sull agazzetta ufficiale

Tra le principali novità:

  • l’adeguamento dell’Allegato 1 al nuovo sistema di classificazione ed etichettatura delle sostanze  GHS    delle Nazioni Unite,  recepito nell’Unione europea  con il regolamento CLP 1272/2008;
  • il rafforzamento del ruolo di indirizzo del Ministero dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare, attraverso l’istituzione di un coordinamento per l’applicazione uniforme sul territorio nazionale della normativa introdotta, composto da rappresentanti delle amministrazioni centrali e locali interessate e degli organi tecnici;
  • la regolazione a livello nazionale, in senso garantista dei livelli di sicurezza, del meccanismo della “deroga”, previsto dalla direttiva per le sostanze non in grado di generare incidenti rilevanti;

l’introduzione di una modulistica unificata,

  • utilizzabile in formato elettronico per la comunicazione della notifica e delle altre informazioni da parte del gestore dell’impianto;
  • il rafforzamento del sistema dei controlli, attraverso la pianificazione e la programmazione delle ispezioni negli stabilimenti;
  • il rafforzamento delle misure necessarie a garantire maggiori informazioni al pubblico, nonché a permettere una più efficace partecipazione ai processi decisionali, in particolare nelle fasi di programmazione e realizzazione degli interventi nei siti in cui sono presenti stabilimenti a rischio di incidente rilevante.

 

Pubblicato sulla G.U. n.161 del 14/07/15

Assegnazione di risorse ad un piano stralcio di interventi prioritari, per livello di rischio e tempestivamente cantierabili, relativi alle aree metropolitane e alle aree urbane con un alto livello di popolazione esposta al rischio.

Vedi sulla gazzetta ufficiale

Pubblicato sulla G.U. n.153 del 4/07/15

Comunicato del ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare relativo alla pubblicazione del decreto 16/06/2015, recante “Strategia nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici”.

Pubblicato su G.U. 4 luglio 2015, n. 153

Obbligo per le grandi imprese di effettuare audit energetico entro il 05 dicembre 2015 consigliabile per le PMI.